L’incontro col destino: quando i protagonisti sono ragazzi

In questi giorni si è molto parlato del tragico incidente che ha coinvolto Marco Simoncelli, giovane pilota delle moto GP. Lo ha ricordato l’Italia intera con frasi e lacrime provenienti per la maggior parte da giovanissimi. L‘incontro con la morte è sempre un tema duro, tanto più se i protagonisti sono i giovani: anche se si sanno i rischi delle corse in moto, nessuno vuole prende mai seriamente in considerazione la morte di un ragazzo. In sella alla sua moto, un pilota ventenne sembra invincibile con la grinta e il coraggio che dimostra.

Le parole di Guccini nel testo di “Canzone per un’amica” descrivono benissimo questa idea:

“.. Quando si è giovani è strano, poter pensare che la nostra sorte venga e ci prenda per mano..”

 

Ed è proprio per questo motivo che la tragedia ha colpito così tanto il cuore di tutti e le metafore per ricordare Simoncelli sono state molte, queste quelle che mi hanno colpito di più:

“Campione del sorriso”

“Un angelo volato via”

“Campione bambino”

“Coraggioso guascone”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *