Le metafore di Alessio Boero per la Fiat 500

La pubblicità della Fiat 500 di qualche anno fa ha incantato numerosi spettatori con le calde e avvolgenti parole di Alessio Boero.

Solo pochi secondi per trasmettere un messaggio non propriamente attinente con macchine e motori, ma il cui scopo era quello di toccare il cuore degli italiani e far riconoscere come propria la nuova Fiat.

Ecco le parole di questo breve testo così incisivo con evidenziate tutte le metafore presenti:

“La vita è un insieme di luoghi e di persone che scrivono il tempo. Il nostro tempo. Noi cresciamo e maturiamo collezionando queste esperienze. Sono queste che poi vanno a definirci. Alcune sono più importanti di altre perché formano il nostro carattere. Ci insegnano la differenza tra ciò che giusto e ciò che è sbagliato, la differenza tra il bene e il male, cosa essere e cosa non essere, ci insegnano chi vogliamo diventare. In tutto questo alcune persone, alcune cose si legano a noi in modo spontaneo, inestricabile. Ci sostengono nell’esprimerci e nel realizzarci, ci legittimano nell’essere autentici e veri e, se significano veramente qualcosa, ispirano il modo in cui il mondo cambia, si evolve, e allora appartengono a tutti noi e nessuno. La nuova Fiat appartiene a tutti noi.”


Una risposta a “Le metafore di Alessio Boero per la Fiat 500”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *