Diverse concezioni di azienda: organismo vivente o meccanismo?

Parlare di azienda in termini generici non è sufficiente quando il sostantivo viene utilizzato dagli addetti ai lavori interni ed esterni all’organizzazione.

Sia i dipendenti, infatti, che consulenti del lavoro, formatori che lavorano per essa devono avere una teoria sull’azienda che permetta di rapportarsi con essa e di operare in base a quanto questa teoria prevede.

Si possono distinguere due metafore solitamente utilizzate per descrivere il modello dell’organizzazione adottato che hanno delle implicazioni in termini operativi completamente diverse:

  • Meccanismo: in questa accezione si pensa all’azienda come a un ingranaggio che produce in modo lineare e standardizzato (come un macchinario appunto) un prodotto o un servizio. I dipendenti si collocano all’interno di questo meccanismo e ricoprono un ruolo prestabilito, mentre l’ambiente in cui l’azienda si inserisce è considerato ininfluente sul funzionamento interno: ovunque il “meccanismo” si collochi ha gli stessi risultati. A livello di gestione e implementazione del lavoro si agisce solo sui processi interni e laddove si verifica un problema, si va a cercare il guasto all’interno del meccanismo, per poterlo riparare.
  • Organismo vivente: in questo caso l’azienda vive in sinergia con l’ambiente esterno in cui si colloca e che ne influenza inevitabilmente il funzionamento e le strategie. L’organismo vivente indirizza le proprie prestazioni in funzione delle esigenze esterne e non focalizzandosi solo sull’intento puro di sopravvivenza (sulla produzione quindi). Ad esempio per un uomo è molto diverso cercare di nutrirsi in centro a Milano o al Polo Nord, ma l’obiettivo di rimanere vivo c’è in ogni caso. Altro aspetto importante di questa concezione è la possibilità di tramandare il patrimonio dell’azienda da una generazione all’altra così come si tramanda negli organismi viventi il corredo genetico: questo permette di imparare dalla storia precedente e non ripartire ogni volta da zero, incorrendo negli stessi vecchi errori.

 

Una risposta a “Diverse concezioni di azienda: organismo vivente o meccanismo?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *