Ascoltare quello che le città raccontano

Oggi riporto una metafora che è utilizzata in termini un po’ poetici e si discosta dall’uso quotidiano che è al centro di questo blog, ma leggendo un opuscolo su Padova non ho potuto fare a meno di notare la piacevolezza con cui è usata la metafora di raccontare.

… le sue piazze, i portici e le antiche vie lastricate raccontano la ricchezza di un medioevo straordinario per arte e cultura. …”

Queste poche righe descrivono quello che capita quando si va a visitare città storiche: ci si trova a fissare dei monumenti o grandi opere assaporando quello che trasmettono. E non importa quanto siamo appassionati o esperti di arte, lo sguardo rimane impigliato in quello spettacolo. Quelle strutture imponenti sembra proprio raccontino un po’ della loro storia, facendoci immaginare chi le ha costruite e le mille persone che ci son passate davanti, si sono appoggiate o l’hanno semplicemente utilizzato come sfondo di una fotografia.

La metafora raccontare riesce a racchiudere in una parola la sensazione che trasmette un’opera d’arte e che è difficile da definire anche con 100 parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *